Tu sei qui: Home / Notizie / 2015 / Quale futuro per il Celtis della Stanga e... per il verde di Padova?

Quale futuro per il Celtis della Stanga e... per il verde di Padova?

Cari Amici,

come forse avete già visto, il Celtis della Stanga, trapiantato a pochi metri, ha perso tutte le foglie, le poche che erano rimaste dopo la pesante potatura fatta in concomitanza con il trapianto di giugno: vedete le foto scattate il 20 agosto.

Come abbiamo già scritto, a suo tempo gli esperti ci dissero che, a dispetto delle apparenze, se l'albero avesse perso anche le foglie residue avrebbe potuto essere un buon segno, cioè potrebbe essere che l'albero stia cercando di risparmiare risorse per ricostruire l'apparato radicale, che è stato pesantemente ridotto prima del trapianto.

In realtà gli stessi esperti sono piuttosto pessimisti sulle possibilità di quest'albero di continuare a vivere proprio perché la chioma è stata pesantemente mutilata e la zolla fortemente ridotta, inoltre aggiungono che la stagione così calda non era il momento adatto per trapiantarlo.

L'ideale sarebbe stato modificare leggermente il perimetro della rotatoria per includerlo al suo interno, ma non è stato fatto.

Noi continuiamo a confidare nella tempra forte di questa specie, che è detta anche "spaccasassi", quindi speriamo davvero che ce la faccia, a dispetto di tutte le previsioni.

Ora con questo aggiornamento chiudiamo la petizione senza la quale, cioè senza il sostegno di tutti Voi, state pur certi che a quest'ora del Celtis della Stanga sarebbe sparita ogni traccia tangibile, nel silenzio dei più!

Non smetteremo comunque di seguire il destino di quest'albero, che ci auguriamo sia il più roseo possibile, e le vicende del Verde di Padova, una città che potrebbe e dovrebbe tenere in considerazione, difendere ed estendere il suo patrimonio naturale con molta più convinzione e forza di quanto stia facendo da oramai diversi anni.

Perfino la plumbea Milano si è dotata di un carta dei diritti del verde, con regole sull'usufrutto e la tutela del patrimonio naturale e vanta superfici a verde per 1.260 ettari nel territorio comunale. [1] Padova invece ha la bellezza di... 72 ettari a verde nel territorio comunale [2] pur essendo questo esteso per più della metà del territorio di Milano!

Macché verde... Padova ha bisogno di parcheggi, come l'ennesimo che si vuole fare dietro il Busonera alle spese di un bel PARCO di quartiere: ma non c'è già un SILOS MULTI PIANO a pochi metri??? Restate sintonizzati che torniamo a breve sull'argomento!

Continueremo a documentare il futuro del Celtis della Stanga e le altre battaglie, per il Verde e non, sul sito www.clacpd.org e sui social network, inoltre vi invitiamo a seguire l'attività e le segnalazioni degli altri gruppi di volontari che si preoccupano della salvaguardia del Verde nella nostra città, tra cui citiamo il Comitato Difesa Alberi e Territorio e il Gruppo Amici del Verde, che ci hanno affiancato in questa battaglia.

Rivolgiamo ancora una volta il nostro più sentito GRAZIE a tutte le Persone che si sono mobilitate: il Verde è Vita: buona Vita a tutti!

[1]Cfr. https://it.wikipedia.org/wiki/Parchi_di_Milano (url consultato il 22/09/2015).
[2]Cfr. https://it.wikipedia.org/wiki/Aree_verdi_di_Padova (url consultato il 22/09/2015).

Azioni sul documento

Il Parco Didattico dell'Ex Macello
image
Immagini raccolte dai naturalisti e agronomi della CLAC in occasione del censimento di primavera 2013
La maglietta della CLAC
davanti
Prenota la maglietta!
« agosto 2018 »
agosto
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Active Users
Tag Cloud
Logo Popwifi Logo Fibersurf

 

La CLAC ringrazia ASDASD per la fornitura a titolo gratuito del servizio di connettività