Tu sei qui: Home / Notizie / 2015 / Al via i lavori alla Stanga ma il Celtis lo vogliamo salvare davvero?

Al via i lavori alla Stanga ma il Celtis lo vogliamo salvare davvero?

I lavori alla rotatoria sono iniziati, ma molto male: una grossa buca è stata scavata alla base dell'albero, con grave danno all'apparato radicale del Celtis australis

I lavori alla rotatoria sono iniziati, ma molto male.

La chioma è stata in parte ridotta, e questo è necessario per lo spostamento dato che si dovranno ridurre anche le radici ma, a dispetto delle dichiarazioni dell'assessore Boron riguardo la volontà del Comune di spostare il celtis, le operazioni iniziate non sembrano adeguate: lo spostamento di un albero di queste dimensioni richiede una procedura apposita, con una piattaforma rigida a sostegno della zolla, che deve essere mantenuta di dimensioni adeguate, mentre è stata già scavata una grossa buca molto vicino alla base dell'albero, con grave danneggiamento delle radici!

Abbiamo l'impressione che chi ha autorizzato e chi dirige queste operazioni voglia più che altro "mostrare" che si sta facendo qualcosa ma quello che si sta facendo è il contrario di ciò che si dovrebbe fare per mantenere l'albero in salute. Anzi, quello che gli operatori hanno già fatto, a detta di alcuni esperti, potrebbe averlo già condannato.

Speriamo vivamente che i tecnici che stanno operando vogliano cercare di rimediare agli errori, mettendo in atto tutte le tecniche necessarie affinché l'operazione di spostamento sia realmente efficace per salvare l'albero!

CONTINUATE A FIRMARE E A FARE FIRMARE LA PETIZIONE!

Azioni sul documento

Il Parco Didattico dell'Ex Macello
image
Immagini raccolte dai naturalisti e agronomi della CLAC in occasione del censimento di primavera 2013
La maglietta della CLAC
davanti
Prenota la maglietta!
« giugno 2018 »
giugno
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Active Users
Tag Cloud
Logo Popwifi Logo Fibersurf

 

La CLAC ringrazia ASDASD per la fornitura a titolo gratuito del servizio di connettività